Printed From:

DA QUANTO TEMPO NON LO FAI?

Da quanto tempo non dormi davvero bene? Una settimana... un mese... un anno? Oltre la metà della popolazione mondiale (65%) non dorme abbastanza.

In base ad una recente ricerca commissionata in occasione della Giornata Mondiale del Sonno, è emerso che il 38% degli italiani soffre di problematiche legate al sonno a causa di stress, preoccupazioni legate alle proprie finanze e al bilancio familiare. Insomma, il lavoro tiene sveglio il 28% degli italiani e 1 su 5 (cioè il 20%) teme di perderlo.

I numeri e le percentuali parlano chiaro: solamente 1 italiano su 10 dichiara di riuscire a dormire per tutta la notta senza problemi o risvegli notturni.1

Giornata mondiale del sonno 2019. Per dormire meglio clicca qui.

"Le difficoltà che le persone incontrano rispetto alla qualità del proprio sonno sono imputabili a una combinazione di fattori emotivi e ambientali” ha dichiarato il Professor Damien Leger, a capo dello University Hospital Hôtel Dieu Sleep Center a Parigi. “Gli alti livelli di stress a cui si è sottoposti durante il giorno possono influire infatti sulla capacità di addormentarsi”

"Dormire meno di sei ore a notte è associato a malattie metaboliche come l'obesità e il diabete di tipo 2, così come a malattie cardiovascolari tipo l'ipertensione” dichiara il Professor Leger.

Il sonno è importante e rigenerante e, come il neuroscienziato Matthew Walker spiega nel suo bestseller “Perché dormiamo”, il sonno è “una rivoluzionaria cura che allunga la vita... potenzia la memoria, rende più attraenti... mantiene snelli e riduce il desiderio di cibo”. Dunque dovremmo sfruttare al meglio il suo potere.

Come dormire meglio? Ecco i nostri consigli

Come abbiamo appreso, la frase “non riesco a dormire” è una problematica comune a moltissime persone. Per questo motivo abbiamo identificato 8 importanti “regole” su come dormire meglio.

  1. Crea la tua routine del sonno.
    Uno dei segreti fondamentali per un sonno profondo è quello di coricarsi e di svegliarsi sempre agli stessi orari. Il nostro ritmo sonno-veglia è infatti regolato da un orologio biologico interno che si adatta agli stimoli esterni e, nel caso in cui gli orari vengono cambiati spesso, questo nostro orologio biologico si disorienta.

  2. Dormire in una stanza buia e silenziosa.
    Luci accese e i rumori eccessivi tengono “sveglio” il nostro cervello, rendendo difficile prendere sonno. Cosa fare? Spegnete tutte le luci e le fonti rumorose, come per esempio la TV

  3. Stanza calda o fredda? Meglio scegliere una temperatura media!
    Fare attenzione alla temperatura della stanza dove si dorme è davvero molto importante: non deve infatti essere né troppo calda, né troppo fredda. Temperature eccessive – calde o fredde - possono ridurre la nostra capacità di prendere sonno.

  4. Evita di bere troppi caffè... a partire dal pomeriggio
    Evita di bere troppe bevande che contengono caffeina, soprattutto prima di andare a letto! La caffeina è un potente stimolante del nostro cervello e, il suo consumo durante il giorno, è un fattore determinante per un sonno profondo. Considerate inoltre che la caffeina rimane in circolo per 12 ore, per cui… fatevi 2 conti prima di bere tanti caffè nel pomeriggio!

  5. Evita le abbuffate serali
    Un’alimentazione corretta è la base non solo per il nostro benessere, ma anche per la qualità del sonno. Infatti, a cena, si dovrebbero evitare pasti troppo abbondanti o alimenti ricchi di proteine. Prediligi quindi una cena con cibi leggeri e facilmente digeribili.

  6. Meno sieste per dormire meglio la notte!
    Evitate i sonnellini pomeridiani o, al massimo, concedetevene uno solamente dopo pranzo. Questo perché, i sonnellini, rompono la routine del sonno che abbiamo visto in precedenza, determinando così una qualità del sonno inferiore.

  7. Evita lo sport prima di andare a dormire
    Andare in palestra o fare attività fisica è importante, ma attenzione! Attività di media-alta intensità nelle ore prima di andare a dormire ha un effetto eccitante sul nostro cervello, determinando così una ridotta capacità di addormentarsi. Prediligete quindi lo sport di mattina o nel pomeriggio.

  8. Evita videogame e pc prima di coricarti
    Giocare ai videogame, stare di fronte al cellulare o lavorare al pc prima di coricarsi, sono delle attività assolutamente sconsigliate; riducono infatti la capacità di addormentarsi in quanto provocano un effetto eccitante sul nostro cervello.

 

La ricerca “World Sleep Day 2019” commissionata da Sanofi Consumer Healthcare a YouGov. L’indagine è stata condotta attraverso 12.669 interviste raccolte online nel 2019 in sei paesi (Francia, Australia, Italia, Giappone, Polonia e Stati Uniti). Il campione, dai 18 anni in su, è stato selezionato attraverso dei panel online per rappresentare la distribuzione della popolazione nazionale per sesso, età e regione in ogni Paese.